copertina

La lingua di GalileoAtti del convegno, Firenze, Accademia della Crusca, 13 dicembre 2012

A cura di Elisabetta Benucci e Raffaella Setti


€ 25


L'Accademia della Crusca ha concluso le iniziative per il IV centenario dell'"invenzione" del cannocchiale con un convegno dedicato alla lingua di Galileo. In questo contesto è apparso particolarmente significativo mettere in luce quanto, alla novità delle scoperte scientifiche di Galileo, abbia corrisposto la sua volontà di innovare molto profondamente anche il linguaggio con cui le ha rese note. La scelta del volgare, in un momento in cui il latino era ancora la lingua prevalente della comunicazione accademica, e la necessità di fondare un lessico scientifico che aderisse al nuovo metodo e alle nuove scoperte, fanno della lingua di Galileo un importante spartiacque da cui ha inizio la storia dell'italiano scientifico moderno. Il convegno ha delineato da più angolazioni i tratti caratterizzanti la lingua, lo stile, i procedimenti retorici e dialettici dello scienziato, offrendo un quadro di nuovi approfondimenti critici e spunti per ulteriori linee di ricerca.

Approfondimenti

Indice
(p. 141)

Recensione di Quinto Marini
In «Rassegna della letteratura italiana», 2015/1.


Libri correlati

nella stessa collana

Lingua e processo

Lingua e processo

Ancora un incontro tra linguisti e giuristi che si sono di nuovo ritrovati nella Villa di Castello, ...

Il secolo artusiano

Il secolo artusiano

Il volume raccoglie gli Atti del convegno “Il secolo artusiano”, svoltosi dal 30 marzo al 2 aprile 2...

Lingua italiana e scienze

Lingua italiana e scienze

I. Livelli e linguaggi della comunicazione scientifica II. La situazione nelle singole aree discipl...