copertina

Lingua e processoLe parole del diritto di fronte al giudice. Atti del convegno, Firenze, villa Medicea di Castello, 4 aprile 2014


€ 25


Ancora un incontro tra linguisti e giuristi che si sono di nuovo ritrovati nella Villa di Castello, questa volta per discutere insieme della lingua che si manifesta nel processo.
Il processo, che accerta i diritti, è anche un banco di prova della lingua del diritto e della sua capacità comunicativa perché è la scena dove s'incontrano protagonisti diversi: la legge, i giudici, gli avvocati, i cancellieri, i consulenti, i poliziotti, i carabinieri, e le parti private.
Più che un crogiuolo il processo è apparso una fucina: un luogo dove si fonde, ma anche – senza confondere – talvolta si crea un lessico nuovo. Ma con un rischio per la lingua giuridica: che aumentino i momenti di incomunicabilità; non solo tra i giuristi e i cittadini comuni con evidente pregiudizio alla fine pure per la democrazia, ma anche tra gli stessi cultori del diritto che spesso, tutti presi all'interno dei loro specialismi, non si capiscono più, per paradosso, neppure tra loro.
Una maggiore consapevolezza linguistica dovrà contribuire a restituire a tutti i giuristi una base culturale comune, che sia di cultura alta e non meramente tecnica, per tornare a comprendersi, e farsi comprendere di più dai cittadini.


Libri correlati

nella stessa collana

La lingua di Galileo

La lingua di Galileo

L’Accademia della Crusca ha concluso le iniziative per il IV centenario dell’“invenzione” del cannoc...

Il secolo artusiano

Il secolo artusiano

Il volume raccoglie gli Atti del convegno “Il secolo artusiano”, svoltosi dal 30 marzo al 2 aprile 2...

Lingua italiana e scienze

Lingua italiana e scienze

I. Livelli e linguaggi della comunicazione scientifica II. La situazione nelle singole aree discipl...